Benvenuto Settembre!

L’ estate sta finendo,comincia la scuola, è il tempo di mele, delle melagrane, dell’uva, dei fichi. Del profumo di fresco e di principio d’autunno, delle giornate soleggiate e delle prime piogge, il mese dei nuovi inizi e dei ritrovamenti: uno dei miei mesi preferiti.

Ieri,mentre mia madre,mio fratello, la nonna ed io facevamo una passeggiata in un meraviglioso bosco, ho sentito che l’autunno era lì, alle porte. I castagni erano pieni di ricci, le foglie ingiallite iniziavano a cadere, sulla pelle si percepiva quel leggero venticello fresco. L’ uva abbondava sulle viti, nei campi tutto si iniziava ad inasprire.

Ad un certo punto, passando davanti ad un campo ho visto di sfuggita una carriola piena di zucche: <> Scendendo ho visto una anziana signora che, tornando dalla campagna, portava nel grembiule delle mele appena colte. E dopo averle chiesto di poter fotografare la sua insolita opera d’arte e averle fatto vedere alcune mie foto,ci ha invitati a salire su da lei. Abbiamo parlato per molto tempo e lei,dopo averci fatto vedere la sua uva e le primizie di stagione, mi ha regalato una zucca!
Era così emozionata, e lo ero anche io.
È  proprio vero: la felicità sta nelle piccole cose.

image

image

image

image

image

image

image

image

Gaia

Gluten free tiramisù cake

Oggi,per il mio primo post,parlerò della torta tiramisù,dal sapore molto delicato e anche semplice da fare! La ricetta che fornirò è senza glutine,e quindi adatta per i celiaci, ma si può tranquillamente sostituire la farina di riso con la farina 00 ed ottenere una torta molto soffice.

image

Amo le torte piccole e alte, così armoniose e graziose, peccato che ad oggi ancora non sia riuscita a trovare un portatorte “all’altezza” di queste piccole meraviglie e così per far giungere questa torta a destinazione ho vissuto venti minuti di terrore,causa dossi artificiali, curve e frenate improvvise!

Ora passiamo alla ricetta:

Per la base:

6 uova
150 g di zucchero
150 g di farina di riso (senza glutine)
30 g di burro
semi di vaniglia
mezza bustina di lievito per dolci (senza glutine)
un pizzico di sale

Preparazione

Imburrare due teglie da 20 cm di diametro (ma si può anche usare una sola teglia da 24 cm) e preriscaldare il forno statico a 160 °C.
Versare le uova intere in una ciotola (possibilmente di vetro),unire lo zucchero e i semi di vaniglia e iniziare a montare il composto a bagnomaria ad una velocità moderata. Quando il composto avrà raggiunto una consistenza spumosa e sarà completamente montato (dopo circa dieci minuti) aggiungere la farina setacciata,continuando a mescolare,e poi il burro fuso. Infine aggiungere il lievito setacciato e infornare per 25/30 minuti.

Per la bagna:

due tazzine piene di caffè ristretto
4 cucchiaini di zucchero
acqua q.b.

Per la farcitura:

300 g di mascarpone
4 cucchiai di zucchero (io consiglio di asssagiare sempre😅 e regolarsi)

Per decorare:

250 g di ricotta
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiaini di cacao in polvere

Per la glassa al cioccolato:

50 g di cioccolato fondente
un cucchiaino di caffé
latte q.b.

image

Come assemblare la torta:

Preparare la crema mescolando il mascarpone e lo zucchero e lasciar riposare in frigo per un quarto d’ora. Effettuare lo stesso con la crema di ricotta,senza aggiungere ancora il cacao.
Dopo aver fatto raffreddare le basi,tagliarle a metà e posizionare il primo disco su un vassoio da portata (consiglio di spalmare una noce di crema sul vassoio per evitare che la torta possa muoversi) bagnandolo con il caffè allungato con l’acqua,poi spalmare tre cucchiai colmi di crema. Proseguire in questo modo con gli altri strati.

image

Una volta farcita la torta ricoprire l’esternocon la crema di ricotta per fissare gli spazi tra gli strati. Lasciar quindi riposare in frigo per dieci minuti.
Aggiungere ora il cacao alla crema di ricotta e ricoprire la torta. Per ottenere l’effetto marmorizzato lavorare la superficie con la spatola in modo che si mischino tra di loro le due coperture.

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria,poi aggiungere il cucchiaino di caffè e il latte fino ad ottenere una consistenza non troppo liquida. Versare poi sul bordo della torta facendo colare tutto il cioccolato.

Infine con un sac a poche fare delle decorazioni in base alla propria fantasia e capacità sia sulla base che sulla superficie della torta.

image

                        
        
        Et voilà!
 

image

Spero che la ricetta vi sia piaciuta! Se provate a farla aspetto vostri commenti e vostre foto e potete inserire su instagram l’hashtag #thejasminesgardenblog

😉
Baci

Gaia

Il giardino dei gelsomini

È incredibile come un profumo,un volto,un luogo,entri a far parte di te indissolubilmente. Soprattutto se percepito nell’infanzia,quando tutto ha un sapore più dolce e quando gli occhi di un bambino osservano tutto con una meraviglia quasi commovente.
Ogni anno, nel mese di maggio, ricordi magici riaffiorano in me, al profumo dei gelsomini in fiore che invade il patio, un profumo che mi ricorda che l’estate sta per giungere, che è il momento del riposo,la stagione in cui tutto splende,il periodo da dedicare alle mie passioni, della libertà. E ricordo quando da piccola riposavo in giardino ,quando disegnavo, quando aiutavo mamma a fare i dolci,quando ballavo e sfogliavo un vecchio libro immaginando un mondo da fiaba, e il profumo dei gelsomini mi accompagnava ogni volta.
The jasmines garden sarà il mio rifugio,il luogo in cui parlerò dei miei ricordi, delle mie ispirazioni e delle mie passioni, sperando di raccontare la meraviglia del mondo che mi circonda.

Gaia